Iscriviti alla newsletter e ricevi uno sconto del 10% sul tuo primo acquisto!

Alberi straordinari: cinque curiosità e fenomeni sorprendenti


Oltre ad essere fondamentali per la vita sulla Terra, fornendo ossigeno, immagazzinando carbonio e ospitando la fauna selvatica del mondo, gli alberi sono a dir poco sorprendenti. Sono in grado di percepirsi tra loro, di cambiare colore, di avere un “battito cardiaco”, di vivere in simbiosi e in alcuni casi perfino di camminare. Ecco, quindi, cinque fenomeni spettacolari e curiosità sugli alberi che promettono di lasciare a bocca aperta.

Fenomeni sorprendenti e curiosità sugli alberi: "la timidezza della corona"

Il primo fenomeno degno di nota è la “Crown Shyness” o “timidezza della corona”, osservato per la prima volta negli anni Venti. Si verifica quando, crescendo, le chiome degli alberi vicini evitano di toccarsi, lasciando uno spazio vuoto che crea delle forme a dir poco suggestive. Questo fenomeno è caratteristico di almeno sette specie di alberi e secondo lo studio condotto dall‘Istituto di ricerca forestale della Malesia a Kuala Lumpur, sarebbe dovuto alla loro forte sensibilità alla luce, che li porterebbe a smettere di crescere per non pregiudicare il processo di fotosintesi. Altri ipotizzano, invece, che si tratti di una sorta di misura preventiva contro la propagazione di insetti nocivi e di malattie.

regala-un-albero-curiosità-sugli-alberi-timidezza-della-corona

L'eucalipto arcobaleno

A meritare una menzione speciale è anche l'Eucalyptus Deglupta o "eucalipto arcobaleno", che cresce nelle Filippine, in Indonesia e in Papua Nuova Guinea e può raggiungere i 60-75 metri di altezza. Questa pianta tropicale deve il suo nome alla sua speciale corteccia, che sfaldandosi in strisce si colora di viola, rosso, verde, blu e arancione

regala-un-albero-eucalipto-arcobaleno-curiosità-sugli-alberi

Il "battito cardiaco" e altre curiosità sugli alberi

Anche gli alberi hanno un cuore, o meglio un battito cardiaco. A svelarlo sono stati dei ricercatori della Aarhus University e del Balaton Limnological Institute. Nel corso di un’attenta ricerca, hanno scoperto un sistema di pompaggio attivo della linfa, lento ma regolare. Periodicamente, infatti, la pressione dell’acqua varia nelle radici e nel fusto delle piante, provocando delle piccole oscillazioni dei rami, simili appunto ad un battito cardiaco.

Il bosco "Pando" o "gigante tremante"

Nello Utah, per la precisione nella Foresta nazionale di Fishlake, si trova invece il bosco “Pando(dal latino “mi espando”), formato da 47 mila pioppi tremuli americani che vivono in simbiosi. Questi alberi sono infatti geneticamente identici e connessi tra di loro da radici che danno vita ad un unico grande organismo. Questo “gigante tremante” di 80 mila anni, si estende per 43 mila ettari, ma è minacciato dall’attività umana, che negli ultimi anni gli ha impedito di continuare a crescere normalmente.

regala-un-albero-pioppo-tremulo-americano-curiosità-sugli-alberi

Gli alberi "che camminano"

Ultimi, ma non meno importanti, sono gli alberi “che camminano”. Si tratta delle piante appartenenti alla specie socratea exorrhiza, conosciuta anche come “palma che cammina”, diffuse nelle aree tropicali dell’America centrale e meridionale. Questi alberi, alti fino a 25 metri, possono spostarsi di circa 20 metri ogni anno, grazie alle loro “radici a trampolo”. Negli anni diversi ricercatori hanno ipotizzato che queste particolari radici servissero alle piante per seguire la luce del sole oppure per sopravvivere in aree paludose o occupate dai detriti.

Gli alberi: straordinaria e imprescindibile fonte di vita

Gli alberi sono vitali per gli esseri umani e per la sopravvivenza del Pianeta, eppure il loro valore non si esaurisce così. Sono esseri viventi in grado di crescere, espandersi, muoversi e rendersi protagonisti di fenomeni spettacolari. Per questo, il loro rispetto e la loro cura sono fondamentali. Tutelare e accrescere il nostro patrimonio naturale è il punto di partenza per dar vita ad un futuro migliore e più sostenibile.

 

Martina Cianni


Lascia un commento


Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima della pubblicazione