Sconto del 10% sul tuo primo ordine con il codice ALBERO10

News RSS



Giornata Nazionale degli Alberi 2023: lo stato di salute delle foreste italiane e il nostro contributo

Ogni 21 novembre, si celebra la Giornata Nazionale degli Alberi, istituita dal Ministero dell'Ambiente nel 2013 per incentivare azioni volte a proteggere e valorizzare il patrimonio arboreo e boschivo italiano, ridurre le emissioni e mettere un freno al riscaldamento globale, come stabilito dal Protocollo di Kyoto. La tutela di boschi e foreste è fondamentale per garantire la salute dell'ecosistema terrestre e quindi la vita sulla Terra. L'Italia è ricca di vegetazione, ma le minacce alla sua sopravvivenza sono molteplici e sempre più allarmanti.  Lo stato di salute delle foreste italiane e la loro importanza Attualmente, oltre un terzo del territorio italiano è coperto da alberi. Nello specifico, si tratta di 9 milioni di ettari di foreste e circa 2 milioni di ettari di...

Continue reading



Alberi straordinari: otto curiosità e fenomeni sorprendenti

Oltre ad essere fondamentali per la vita sulla Terra, fornendo ossigeno, immagazzinando carbonio e ospitando la fauna selvatica del mondo, gli alberi sono a dir poco sorprendenti. Sono in grado di percepirsi tra loro, di cambiare colore, di avere un “battito cardiaco”, di vivere in simbiosi e in alcuni casi perfino di camminare. Ecco, quindi, otto curiosità e fenomeni spettacolari che li riguardano e che promettono di lasciarvi a bocca aperta. Fenomeni sorprendenti e curiosità sugli alberi: "la timidezza della corona" Il primo fenomeno degno di nota è la “Crown Shyness” o “timidezza della corona”, osservato per la prima volta negli anni Venti. Si verifica quando, crescendo, le chiome degli alberi vicini evitano di toccarsi, lasciando uno spazio vuoto che crea delle forme a dir...

Continue reading



#ZeroEmissionsDay: l'importanza degli alberi per ridurre le emissioni

Il 21 settembre si celebra il Zero Emissions Day, giornata dedicata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica in merito all’importanza di azioni volte a ridurre concretamente le emissioni di gas a effetto serra e di carbonio, responsabili dell’inquinamento atmosferico e del riscaldamento globale. Attraverso semplici accorgimenti e attività quotidiane, ogni individuo può fare la sua parte, riducendo le emissioni prodotte e quindi contribuendo a contrastare i cambiamenti climatici. L’estate che sta per concludersi è stata già dichiarata la più calda di sempre, mentre eventi naturali sempre più distruttivi si sono verificati in successione in diverse parti del globo. Proprio per questo motivo è fondamentale agire ora. L’importanza di boschi e foreste nella compensazione delle emissioni Boschi e foreste hanno un ruolo fondamentale...

Continue reading



Il Parlamento UE approva la Nature Restoration Law: cresce l'impegno per la tutela della biodiversità e degli ecosistemi

La nuova Nature Restoration Law dell'UE, approvata dal Parlamento europeo mercoledì 12 luglio, apre la strada a un'azione comunitaria ancora più decisa e concreta per la tutela e il ripristino della biodiversità e degli ecosistemi. Questa legge, la prima del suo genere, diventerà uno dei pilastri fondamentali della Strategia dell'UE sulla biodiversità per il 2030, parte del Green Deal Europeo. La norma fissa degli obiettivi giuridicamente vincolanti per il recupero delle aree naturali europee gravemente compromesse. Gli ultimi dati raccolti dall'Agenzia Europea dell'Ambiente sullo “Stato della natura nell'UE 2020” dipingono un quadro preoccupante: il 63% delle specie e l'81% degli habitat protetti versano in un cattivo stato di conservazione. Tutto questo a causa delle attività umane, che sfruttano, impoveriscono e...

Continue reading



Rispetto e protezione degli alberi: ecco tre tecniche che possiamo imparare dal Giappone

Gli alberi hanno un ruolo centrale nella tradizione giapponese. Il forte legame che li lega alla cultura nipponica ha origine nella religione shintoista, la più antica del paese. Secondo questo culto cosmico e animistico, gli alberi più anziani sarebbero abitati da spiriti. Si tratta dei "kodama", che conferiscono alla pianta ospitante una vera e propria personalità, ma anche una grande importanza, e hanno il compito di conservare l'equilibrio naturale. Nel Giappone pre-moderno, gli alberi più vecchi, segnalati da una corda sacra chiamata "shimenawa", erano trattati con grande rispetto e attenzione. Si credeva, infatti, che se qualcuno li avesse abbattuti, avrebbe dovuto fare i conti con l'ira degli spiriti. Inoltre, si riteneva che i boschi formati da questi antichi alberi sacri fossero un varco di accesso allo Yomi, il...

Continue reading